skip to Main Content

Questo capolavoro, così chiamato dal nome del suo ultimo proprietario, venne realizzato nei primi anni del XVI secolo , la cui commissione non è ancora oggi del tutto chiara. Presso la National Gallery di Londra è conservato il “Ritratto di un collezionista” del Parmigianino (1524 c.a.) che raffigura un aristocratico, che tiene nella mano sinistra proprio l’Offiziolo Durazzo, di cui non si conosce il nome.

Può essere sicuramente definito uno dei più bei codici miniati del Rinascimento italiano per via delle sue due caratteristiche principali: la pergamena purpurea e l’uso della crisografia (la scrittura a lettere d’oro). Classica raccolta di salmi e preghiere da recitare nelle diverse ore della giornata, si apre con un calendario illustrato e con il ciclo dei mesi e le relative occupazioni. Le meravigliose miniature e le iniziali figurate si devono alla maestria di Francesco Marmitta, pittore della scuola ferrarese di Ercole de’ Roberti, mentre la scrittura è attribuita al già professore di grammatica dell’Università di Bologna Pietro Antonio Sallando.

 

LinguaLatino
EditoreFranco Cosimo Panini
Anno2008
Pagine432
Formato14,3 x 9,7
Tiratura980 Copie
Prezzo 3.850,00€

Pubblicazioni recenti:

WILDT – L’Arte del marmo di Adolfo Wildt

Stampato in 5000 copie numerate, nostra copia n..2971, collana I Segni dell'uomo / 38, prefazione…

UTRECHT PSALTER ( Salterio di Utrecht)

Utrecht, Universiteitsbibliotheek Utrecht, Handschrift 32. I 150 salmi sono illustrati con 166 miniature, in grisaglia,…

SCHWAZER BERGBUCH (Mining book of Schwaz, Libro sulle miniere di Schwaz)

Codex Vindobonensis 10.852 della Österreichische Nationalbibliothek di Vienna. Il codice descrive le operazioni minerarie nella…

TRATTATO DI ARITMETICA di Filippo Calandri

Riproduzione del codice membranaceo del XVI secolo, manoscritto 2669 della Biblioteca Riccardiana di Firenze. Introduzione,…

Notitia Dignitatum

Notitia dignitatum è un annuario che contiene una lista, in ordine gerarchico, delle funzioni e…

BEATI PETRI APOSTOLI EPISTOLÆ

Prefazione di Jean Guitton e Carlo Maria Martini. Facsimile del più antico codice in papiro…

Back To Top