skip to Main Content

Scritta da Galileo nel 1589, durante il periodo nel quale insegnava a Pisa, l’operetta si compone di terzine rimate. Il testo vuole essere un anticonformismo contro l’obbligo di indossare la toga universitaria anche fuori dai luoghi accademici. Il giovane critica la volontà moralizzatrice del governo mediceo e il compiacimento con cui i professori pisani sembravano seguire l’obbligo di sfoggiare l’ingombrante palandrana.

 

LinguaItaliano e Inglese
AutoreGalileo Galilei
EditoreUnaLuna
Pagine92
Formato37 x 49
Tiratura2000 copie

Pubblicazioni recenti:

VITA DI BENVENUTO CELLINI ILLUSTRATA DA SALVADOR DALÌ

Dalla collaborazione tra Fundaciòn Gala -Salvador Dalì, Istituto Geografico De Agostini e la Biblioteca Medicea…

Carta geografica del Granducato di Toscana

Riproduzione delle 24 carte (61x85 cm.), più 2 d’insieme, del Granducato di Toscana del cartografo…

La Divina Commedia, illustrata da Gustavo Doré con i colori di Treccani

Tre volumi in folio, illustrazioni di Gustavo Doré e i colori del pittore Ernesto Treccani.…

Firenze

Cartella in pelle (concia mista vegetale e colorata all’anilina) con incisioni a caldo in argento…

Siena

Cartella in pelle (concia mista vegetale e colorata all’anilina) con incisioni a caldo in argento…

Toscana

Cartella in pelle (concia mista vegetale e colorata all’anilina) con incisioni a caldo in argento…

Back To Top