skip to Main Content

Secondo J. H. Hermann è probabile che il codice, la cui pagina iniziale conteneva uno stemma cardinalizio (oggi asportato), sia stato commissionato dal cardinale Ippolito d’Este (1479-1520).

Fece parte della prima mostra permanente allestita presso la Biblioteca Estense tra il 1924 ed il 1925 ed è ipotizzabile che  in quel periodo sia stato restaurato e che questo abbia comportato l’aggiunta di due guardie cartacee anteriori nonchè il rinforzo della legatura in corrispondenza del dorso.

La finezza del tratto ha fatto accostare il codice al Messale di Anna Sforza e studi recenti tendono ad individuare nel miniatore la mano giovanile di un maestro che si firmò con l’acrostico B. F. e che viene identificato da Paul Wescher in Francesco Binasco.

 

LinguaLatino
EditoreTrident
Anno2006
Pagine248
Formato24 x 14
Tiratura300 Copie

Pubblicazioni recenti:

Cristoforo Colombo – Il Libro d’ore – Codicillo militare

Conservato presso la Biblioteca dell’Accademia Nazionale dei Lincei e Corsiniana (55, K, 28),  è notoriamente…

Tacuinum Sanitatis in Medicina

Il Tacuinum sanitatis in medicina ("Panoramica della medicina in forma tabulare") è tra i manoscritti…

Tutte le dame del Re

Un elegante codice proveniente dalla Biblioteca Trivulziana (n° 2159) nel quale vengono raffigurate 27 dame…

La grammatica del Donato

La comunemente detta Grammatica del Donato è una vera e propria grammatica latina ispirata agli scritti…

The Sforza Hours

Nel 1490 Bona Sforza, vedova del duca di Milano, volle commissionare un importante libro di…

Officium Beatae Virginis (Cod. Cavense 47)

Originario della Francia, l’Officium Beatae Virginis (Cod. Cavense 47) venne realizzato nella bottega di Jean…

Back To Top