skip to Main Content

Secondo J. H. Hermann è probabile che il codice, la cui pagina iniziale conteneva uno stemma cardinalizio (oggi asportato), sia stato commissionato dal cardinale Ippolito d’Este (1479-1520).

Fece parte della prima mostra permanente allestita presso la Biblioteca Estense tra il 1924 ed il 1925 ed è ipotizzabile che  in quel periodo sia stato restaurato e che questo abbia comportato l’aggiunta di due guardie cartacee anteriori nonchè il rinforzo della legatura in corrispondenza del dorso.

La finezza del tratto ha fatto accostare il codice al Messale di Anna Sforza e studi recenti tendono ad individuare nel miniatore la mano giovanile di un maestro che si firmò con l’acrostico B. F. e che viene identificato da Paul Wescher in Francesco Binasco.

 

LinguaLatino
EditoreTrident
Anno2006
Pagine248
Formato24 x 14
Tiratura300 Copie
Prezzo 950€

Pubblicazioni recenti:

WILDT – L’Arte del marmo di Adolfo Wildt

Stampato in 5000 copie numerate, nostra copia n..2971, collana I Segni dell'uomo / 38, prefazione…

UTRECHT PSALTER ( Salterio di Utrecht)

Utrecht, Universiteitsbibliotheek Utrecht, Handschrift 32. I 150 salmi sono illustrati con 166 miniature, in grisaglia,…

SCHWAZER BERGBUCH (Mining book of Schwaz, Libro sulle miniere di Schwaz)

Codex Vindobonensis 10.852 della Österreichische Nationalbibliothek di Vienna. Il codice descrive le operazioni minerarie nella…

TRATTATO DI ARITMETICA di Filippo Calandri

Riproduzione del codice membranaceo del XVI secolo, manoscritto 2669 della Biblioteca Riccardiana di Firenze. Introduzione,…

Notitia Dignitatum

Notitia dignitatum è un annuario che contiene una lista, in ordine gerarchico, delle funzioni e…

BEATI PETRI APOSTOLI EPISTOLÆ

Prefazione di Jean Guitton e Carlo Maria Martini. Facsimile del più antico codice in papiro…

Back To Top