skip to Main Content

Si ritiene che tra il 1505 ed il 1506 Leonardo da Vinci, il genio per eccellenza di tutti i tempi, abbia dipinto il suo capolavoro, la Gioconda, considerata dai più importanti storici dell’arte e non solo il quadro più importante ed emblematico della storia.

Proprio in quegli anni però la sua ambizione lo porta a redigere studi sul volo e sui principi aerodinamici basandosi sul comportamento degli uccelli. Nasce così il Codice sul volo degli uccelli, noto come il quaderno di appunti più famoso del mondo. La datazione del manoscritto è confermata da una citazione dello stesso Leonardo al foglio 17v, pagina in cui annota di aver visto un uccello spiccare il volo: “..il cortone, uccello di rapina ch’io vidi andando a Fiesole sopra il loco del Barbiga, nel ‘5 adì 14 di marzo…”

Caratteristica e peculiarità è la non è una semplice raccolta eterogenea di appunti e idee, ma un metodico tentativo di analizzare e proporre nuove idee sull’argomento del volo. Leonardo coltivava infatti l’idea di un grande trattato sul volo diviso in quattro parti, ma non portò a termine l’opera. Descrive questo progetto con grande minuzia di particolari. Ne indica le dimensioni, i materiali da impiegare nella costruzione, la posizione del pilota, la collocazione del baricentro, fatto quest’ultimo indispensabile per la costruzione di qualsiasi “oggetto volante”.

Il prezioso codice è custodito dal 1893 presso la Biblioteca Reale di Torino e non è visibile al pubblico. Ha lasciato l’Italia solo tre volte negli ultimi 120 anni, ma prima di allora ha avuto viaggi avventurosi. Trafugato da Napoleone e portato in Francia, venne poi trasferito in Inghilterra, suddiviso in fogli separati e persino fatto arrivare in Siberia prima di tornare in Italia, dove è stato riassemblato.  Dall’ agosto 2013, una copia digitale del codice è anche su Marte, dove è stata trasportata su un chip a bordo della sonda Curiosity.

 

 

LinguaItaliano
AutoreLeonardo da Vinci
EditoreGiunti
Pagine90
Formato25 x 36
Prezzo 500€

Pubblicazioni recenti:

WILDT – L’Arte del marmo di Adolfo Wildt

Stampato in 5000 copie numerate, nostra copia n..2971, collana I Segni dell'uomo / 38, prefazione…

UTRECHT PSALTER ( Salterio di Utrecht)

Utrecht, Universiteitsbibliotheek Utrecht, Handschrift 32. I 150 salmi sono illustrati con 166 miniature, in grisaglia,…

SCHWAZER BERGBUCH (Mining book of Schwaz, Libro sulle miniere di Schwaz)

Codex Vindobonensis 10.852 della Österreichische Nationalbibliothek di Vienna. Il codice descrive le operazioni minerarie nella…

TRATTATO DI ARITMETICA di Filippo Calandri

Riproduzione del codice membranaceo del XVI secolo, manoscritto 2669 della Biblioteca Riccardiana di Firenze. Introduzione,…

Notitia Dignitatum

Notitia dignitatum è un annuario che contiene una lista, in ordine gerarchico, delle funzioni e…

BEATI PETRI APOSTOLI EPISTOLÆ

Prefazione di Jean Guitton e Carlo Maria Martini. Facsimile del più antico codice in papiro…

Back To Top